Accessibilità siti web

Quando navighiamo su internet, lo sguardo acquisisce un’importanza fondamentale. Pilota i nostri movimenti, dirige il mouse verso i link che ci attirano maggiormente. Il web si svela ai nostri occhi e noi clicchiamo, selezioniamo, leggiamo, condividiamo.

Non per tutti è così. Ampie categorie di utenti, per navigare utilizzano il tatto o maggiormente l’udito. Parliamo dei non vedenti che per navigare ascoltano.

Un sito internet, per essere efficace, deve rivolgersi ad ogni categoria di utente, inclusi i non vedenti. A tal proposito si definisce “progettazione universale” la creazione di ambienti, servizi, prodotti utilizzabili da tutti, a prescindere dalle caratteristiche e capacità fisiche. L’accessibilità diventa fondamentale quando si parla di prodotti che riguardano un pubblico tanto ampio come quello della rete.

Il web deve rappresentare una piazza virtuale, priva di barriere architettoniche, capace di accogliere un pubblico eterogeneo, senza discriminazioni e dove la diversità non debba tradursi in impossibilità di accesso, bensì diventare un valore aggiunto.

Ogni persona deve poter navigare in modo veloce, a prescindere dal sistema operativo o browser, dalla capacità di vedere lo schermo o muovere il mouse con le dita. Quante volte ci sarà capitato che un sito internet non supportasse il nostro browser? La sensazione di impotenza ha preceduto di pochi attimi la chiusura della pagina web. Allo stesso modo, chissà quanti potenziali utenti non vedenti non possono accedere a siti internet mal programmati. Oggi, tali problemi sono sempre più rari, poiché esistono strumenti altamente tecnologici che consentono di utilizzare il computer e accedere ad internet agevolmente. Lo strumento che aiuta i non vedenti a utilizzare il computer si chiama screen reader. Si tratta di un’apparecchiatura che inserita direttamente nel computer può tradurre il testo web in messaggio sonoro.

L’importanza della tastiera per l’accessibilità dei siti web

I non vedenti non usano il mouse di conseguenza sono molto abili nell’ utilizzo della tastiera, perché proprio come i dattilografi usano il “metodo delle dieci dita”: posizionano entrambe le mani sulla tastiera utilizzando tutte le dita, in questo modo possono scrivere senza guardare lo schermo. Perciò nella progettazione di un sito internet è necessario che tutti i contenuti siano accessibili tramite tastiera. Per esempio, le frecce permettono ai non vedenti di leggere le diverse righe di un testo con lo screen reader, mentre con il TAB è possibile scorrere i diversi link, come si può osservare cliccando qui.

Accessibilità siti web: descrivere le immagini

Il problema sorge quando all’interno del sito internet viene inserita un’immagine. Lo screen reader infatti è in grado di decifrare unicamente i testi, non immagini e fotografie. Per consentire che anche i non vedenti possano conoscere il contenuto dell’immagine è necessario aggiungere ad essa una descrizione, in tal modo, quando il non vedente passerà il cursore sull’immagine, lo screen reader potrà commentare l’immagine leggendone la descrizione. Tale procedura si ottiene inserendo i cosiddetti TAG ALT in corrispettiva delle immagini, in fase di programmazione del sito. Il testo contenuto nel TAG ALT deve commentare il contenuto dell’immagine in modo chiaro e sintetico. Descrivere un’immagine è un passo importante per garantire accessibilità alla nostra pagina web. Se il nostro file immagine si chiamerà IMG12941.JPG lo screen reader leggerà questa anonima serie di lettere e numeri, facendo perdere tempo all’utente  che non capirà il reale contenuto dell’immagine. Un buon esempio di alt tag è offerto dalla seguente immagine tratta dal sito www.booking.com

La descrizione cerchiata di rosso rappresenta il cosiddetto Tag Alt, che fornisce un testo alternativo dell’immagine. Il Tag Alt è utile anche quando il nostro browser non riesce a caricare l’immagine, in questo caso si potranno almeno vedere i testi che ne descrivono il contenuto. Di seguito un esempio tratto dal sito internet Emilia Romagna Solidale, riportato tra le fonti a fine articolo.

esempio alt tag immagine non caricata

L’alt tag oltre a migliorare l’esperienza d’uso, può essere utilizzato per finalità SEO, poichè possono essere inserite nella descrizione delle parole chiave mirate ed efficaci per l’indicizzazione del sito. Tale tecnica viene utilizzata anche nella semplice titolazione strategica delle immagini caricate all’interno del sito internet.

Accessibilità siti web: i banner intelligenti

L’ALT TAG rappresenta un ottima soluzione per persuadere un utente non vedente, convincerlo a cliccare sulla nostra pubblicità. Anche solo l’inserimento di un semplice Alt Tag in un banner può essere utile ad un non vedente per capire di che cosa si tratta. Di seguito, presentiamo la scelta di una mera descrizione sintetica e sbrigativa per un banner di Seat Pagine Gialle:

Accessibilità siti web: esempi alt tag

In altri casi si può optare per piccoli messaggi persuasivi diretti a chi non può vedere direttamente il banner. Ascoltare un messaggio pubblicitario può in alternativa far capire agli utenti non vedenti che nell’inserimento del banner si è pensato anche a loro.

Esempi alt tag accesibilità | Siti web accessbili

Creare un sito accessibile con descrizioni efficaci può aiutare i non vedenti a trovare più facilmente ciò che cercano. La maggior parte dell’attenzione in un contenuto web, compreso un banner pubblicitario, deve essere riportata sulla qualità del testo, originale accattivante. Un utente non-vedente capisce se il testo è stato creato anche per lui, in questo modo si conquista la sua curiosità e il suo interesse verso il messaggio pubblicitario e poi verso il prodotto pubblicizzato.

Fonti Web Senza Barriere  | Social Media Explorer