Grafica e stampa | Nozioni di base per fare un progetto grafico

Grafica e stampa | Nozioni di base per fare un progetto grafico

 Grafica e Stampa: le basi


Informazioni utili per realizzare un progetto grafico

Quali sono gli strumenti per la progettazione grafica e la stampa? Un computer, un mouse o tavoletta grafica, una stampante per le bozze, e i software necessari per la progettazione e tanta creatività.
Partiamo dal computer: personalmente preferisco il sistema operativo di casa Apple, ma le stesse cose si possono fare con sistema operativo Windows, i programmi esistono per entrambi i sistemi operativi e penso che computer stampante e mouse siano solo degli strumenti secondari: l’ingranaggio principale che ti permette di andare avanti è il modo in cui lavori, la tua costanza e professionalità. Sicuramente un buon processore e un bel pò di ram non fanno male: ti aiutano a lavorare in modo fluido e senza intoppi e rallentamenti.
Io utilizzo i software Adobe a anche se ho iniziato con il caro vecchio e abbandonato Macromedia FreeHand. Cliccando sul pulsante riportato di seguito verrete collegati alla pagina relitiva ai download della Adobe, dalla quale potrete scaricare tutti i software, in versione dimostrativa e con tutte le funzionalità per 30 giorni.


Download Software Adobe


Adobe illustrator: software per la progettazione grafica

Adobe Photoshop, Illustrator, Indesign: quale devo usare?

Quando siamo alle prime armi e dobbiamo realizzare un progetto di grafica e stampa trovandoci  davanti a tutti questi programmi, la domanda sorge spontanea: cosa devo usare?
Adobe Photoshop: serve per il fotoritocco e per l’elaborazione delle immagini, per creare effetti particolari, per creare fusioni tra più immagini. Non è adatto per l’impaginazione.
Adobe Illustrator:  serve principalmente per creare un logo, per piccole impaginazioni, dove non è presente tantissimo testo.
Adobe InDesign: questo è il software più indicato per la gestione di progettazione grafica e stampa di progetti che hanno molto testo, come pieghevoli a più pagine, libri ecc… Impeccabile nell’impaginazione, è utilissima la funzione pagina mastro: per esempio se dovessimo creare un giornale, la cui testata si deve ripetere su x pagine, non dovremo fare altro che applicare alle pagine interessate la pagina mastro che ha quella base di layout. Se dovessimo modificare anche una sola virgola nella pagina mastro, automaticamente verrà apportata la modifica su tutte le pagine.

Font, cmyk, dpi, abbondanze, sovrastampa

Perchè riporto in particolare queste cose? Perchè sono sbagli che ho commesso personalmente e che mi hanno fatto imparare. Cosa c’e da sapere prima di iniziare un progetto di grafica e stampa?
Convertire il font in curve
Perchè convertire il font in contorno? Una volta terminato il progetto grafico, dovrete inviare il file in stampa e non è detto che nel computer del tipografo siano installati gli stessi font che avete voi: è necessario quindi convertire i font in contorno in modo che nel file che gli invierete i testi saranno delle curve e non delle scritte. Attenzione: non salvare il file di progettazione con i font convertiti in curve, non potresti più modificare il testo.

CMYK

Cmyk è lo spazio cromatico da utilizzare per inviare un lavoro in stampa offset: tutti i colori che si avranno in stampa non saranno altro che l’unione dei 4 colori base che sono Cyano Magenta Yellow Black. Ricordate di convertire tutte le immagini presenti nel vostro progetto in Cmyk e di evitare nella composizione di colori di superare il 300{d095c2a55e97ea4e8805dde15642bbdde2dc5167369fc54e5e010816e276be41} o otterrete dei colori impastati. Inoltre un altro consiglio che vorrei darvi è questo: quando fatte delle scritte piccole, utilizzate solo un colore altrimenti potreste andare incontro alla stampa fuori registro.

Dpi

Il file per la stampa deve essere esportato per il tipografo (preferibilmente in pdf in quanto non tutti utilizzano gli stessi programmi) con una risoluzione di 300 dpi.  In alcuni casi particolari (ad esempio la stampa di manifesti di grandi dimensioni) si invia il file in scala 1:10 a 72 dpi per diminuire le dimensioni in Mb.

Abbondanze

Cosa sono le abbondanze? Per un progetto di grafica e stampa e necessario tener conto che a progetto finito, lo stesso dovrà essere stampato e prepagato dai rilegatori. I file di stampa vengono montati su un foglio di grande formato (ad esempio 50x70cm) e poi vengono tagliati a misura. Per avere un lavoro ben fatto, è necessario inserire nel file inviato alla tipografia le abbondanze: sono dei bordi (solitamente di 3mm) esterni al file, che vengono tagliati dalla tipografia. E di fondamentale importanza quando ci sono dei fondi pieni o con immagini, mentre non è necessario inserire le abbondanze quando il colore è bianco.

Sovrastampa

Quando sovrapponete due oggetti attenzione all’opzione sovrastampa: se la sovrastampa è attiva i colori dell’oggetto sul livello superiore verranno fusi con quelli dell’oggetto sul livello inferiore. Se la sovrastampa non è attiva i l colore inferiore viene “sfondato”. Usare particolare attenzione quando si usa il bianco: non utilizzare mai la sovrastampa in quanto il bianco è un non colore, quindi non si stampa. Viene sfondato il colore dell’oggetto posizionato sotto. Se inviate in stampa un file con una scritta bianca in sovrastampa su un colore, non verrà stampata (esperienza personale di qualche anno fà o.O ). Ricontrollate sempre i file che state inviando con Adobe Acrobat Pro con l’opzione “Usa anteprima sovrastampa sempre attivo”, che trovate nelle preferenze.

 

No Comments

Leave a Reply

17 − 7 =